1. Home
  2. Know How
  3. Complicazioni
  4. Luminor Tourbillon GMT – 47mm

LUMINOR TOURBILLON GMT – 47mm

TECNOLOGIA ALL’AVANGUARDIA E INNOVAZIONE

Una nuova versione di una delle creazioni più innovative della Manifattura Panerai: Luminor Tourbillon GMT con cassa in titanio stampata in 3D e movimento scheletrato P.2005/T con regolatore a tourbillon. Dotato di cassa in titanio stampata in 3D con la tecnica Direct Metal Laser Sintering, una tecnologia che permette la produzione di componenti metalliche o la stampa in 3D di cavità realizzate strato per strato, il Luminor Tourbillon GMT è senza dubbio una delle creazioni più innovative e sorprendenti della Manifattura Panerai di Neuchâtel. Presentato nel 2016 come il primo modello a implementare questa tecnologia in un segnatempo meccanico, Luminor Tourbillon GMT è ora disponibile in una nuova affascinante versione. Il blu delle lancette, che si abbina perfettamente alle tonalità metalliche della cassa in titanio, viene utilizzato anche sul rehaut e nelle cuciture del cinturino in pelle nera, conferendo all'orologio un look ancora più sportivo, ideale per questa creazione dall’altissimo livello tecnico.

La leggerezza del nuovo Luminor Tourbillon GMT è davvero notevole, soprattutto se si considera la ricchezza delle funzioni: ore, minuti, piccoli secondi, GMT con indicatore AM/PM, riserva di carica di sei giorni con indicazione dell'autonomia residua visibile sul fondello, e uno scappamento a tourbillon. Il segreto della sua leggerezza sta nell'ingegnoso lavoro di sottrazione svolto dal Laboratorio di Idee della Manifattura Panerai sulla cassa e soprattutto sul sofisticato movimento P.2005/T in titanio, che ha dato vita a un orologio dalle caratteristiche tipiche di Panerai ma con un peso decisamente inferiore.

SOLUZIONI HIGH-TECH

DIRECT METAL LASER SINTERING

La cassa del Luminor Tourbillon GMT ha la classica misura di 47 mm di diametro ed è realizzata in titanio, un materiale non solo ipoallergenico e resistente alla corrosione, ma anche molto più leggero rispetto all’acciaio. Per ridurre ulteriormente il peso, la cassa è realizzata con un'innovativa tecnologia che consente di scavare il titanio dall’interno, formando una cavità geometrica estremamente precisa senza compromettere in alcun modo la sua impermeabilità (10 bar, pari ad una profondità di circa 100 metri), la sua solidità o la resistenza ad eventuali tensioni o torsioni a cui può essere sottoposta la cassa.

Questa innovativa tecnologia consente la creazione di geometrie particolarmente complesse direttamente a partire dai dati CAD 3D, in maniera completamente automatizzata, in poche ore e senza alcuno strumento, lasciando spazio a processi successivi sull’oggetto prodotto quali pallinatura, lucidatura, lavorazione meccanica, saldatura, trattamento termico e trattamenti di superficie. La piattaforma per la stampa si compone di due vasche, ciascuna delle quali viene attivata da un pistone. Una delle due vasche viene riempita di polvere di metallo, mentre l’altra, vuota, è situata a livello della piattaforma. Il processo di stampa inizia versando un sottile strato di polvere all’interno della tanica vuota che viene poi irraggiato e fuso da un laser in fibra ottica (200/400 W). Una volta solidificato il materiale, viene applicato un secondo strato di polvere sfruttando il sistema di pistoni, proseguendo così fino al completamento della componente. La stampa in 3D strato su strato permette di realizzare forme interne molto complesse e la parte interna della carrure del Luminor Tourbillon GMT può essere vuotata.

IL CALIBRO P.2005/T

OLTRE L’ORIZZONTE DELLA TECNOLOGIA

Il movimento meccanico P.2005, calibro a carica manuale con speciale tourbillon brevettato da Panerai, si ritrova nel Luminor Tourbillon GMT nella versione P.2005/T, scheletrato e con ponti e platine in titanio. Grazie alla diversa densità – circa la metà – di questo materiale rispetto all’ottone con cui sono normalmente realizzati questi componenti, il peso totale del movimento è inferiore del 35% rispetto a quello della versione scheletrata P.2005/S. La leggerezza complessiva dell’orologio è anche frutto della fine scheletratura di ponti, platina e bariletti e dell’assenza di un classico quadrante. Infatti, tutti gli elementi che normalmente compaiono sul quadrante sono fissati direttamente al movimento o al rehaut dell’orologio, come gli indici delle ore. A ore 9 si trova il quadrante dei piccoli secondi, all’interno del quale ruota un piccolo indicatore che mostra la rotazione del tourbillon.

A ore 3 si apprezza un altro piccolo quadrante che indica se la lancetta centrale del secondo fuso orario (GMT) si riferisce al giorno o alla notte. La lunga riserva di carica di sei giorni, ottenuta attraverso tre bariletti collegati in serie, ha invece un apposito indicatore posto sul retro del movimento, visibile attraverso il grande oblò in vetro zaffiro sul retro dell’orologio. Tutto questo fine lavoro di scheletratura consente di ammirare da entrambi i lati dettagli affascinanti come lo svolgimento e riavvolgimento della spirale all’interno dei bariletti, l’intricato gioco di connessione dei ruotismi e soprattutto la rotazione della gabbia del tourbillon, che nella versione brevettata da Panerai ha una differenza fondamentale. Infatti, al fine di compensare con maggiore precisione gli effetti della gravità sullo scappamento e garantire così un funzionamento più accurato, la gabbia del tourbillon Panerai ruota attorno a un asse perpendicolare, e non parallelo, a quello del bilanciere, effettuando una rotazione completa ogni 30 secondi invece che ogni minuto.

IL TOURBILLON PANERAI

UN’INTERPRETAZIONE INNOVATIVA

Il Tourbillon è senza dubbio una delle invenzioni meccaniche applicate all’orologeria più affascinanti di sempre, frutto della mente di Abraham-Louis Breguet, che lo disegnò nel 1795 e lo brevettò nel 1801. Il dispositivo fu inventato allo scopo di eliminare gli errori di marcia (vale a dire deviazioni più rapide o più lente nell’indicazione del tempo) provocate da variazioni degli effetti della forza di gravità sul bilanciere, da imperfezioni di manifattura, ispessimento dell’olio lubrificante e dal conseguente diverso attrito nelle varie posizioni dell’orologio. Per la sua creazione, Breguet costruì una gabbia che ruotava continuamente su se stessa e che conteneva il bilanciere, lo scappamento e i relativi assi. Così facendo, qualsiasi variazione della marcia avvenuta quando il bilanciere si trovava in una posizione particolare, sarebbe stata annullata quando lo stesso bilanciere si fosse trovato nella posizione opposta. Officine Panerai ha accolto questa sfida riuscendo perfino a innovare una specialità orologiera che è rimasta sostanzialmente invariata fin dalla sua invenzione. La gabbia del Tourbillon Panerai che contiene il bilanciere e lo scappamento ruota su un asse perpendicolare e non parallelo a quello del bilanciere, diversamente dal Tourbillon tradizionale dove la gabbia effettua una rotazione al minuto. Nel Panerai Tourbillon tale rotazione viene effettuata in 30 secondi. Questo è un esempio dell’eccellenza tecnica e costruttiva raggiunta dalla Manifattura Panerai di Neuchâtel, in Svizzera.

La famiglia del calibro P.2005, un calibro a carica manuale che reinterpreta il Tourbillon presentato da Panerai nel 2007, viene sviluppata nella versione scheletrata realizzata in titanio. Per valorizzare la bellezza del movimento scheletrato, l'orologio non ha il quadrante: i numeri arabi e gli indici sono ricavati in un unico blocco con il rehaut. L’innovativa gabbia del Tourbillon Panerai ruota perpendicolarmente rispetto all’asse del bilanciere una volta ogni 30 secondi, invece dei 60 secondi del Tourbillon tradizionale.

RIPETIZIONE MINUTI

Il movimento Panerai P.2005/MR.

EQUAZIONE DEL TEMPO

Il movimento Panerai P.2002/E.

FASI LUNARI L'ASTRONOMO

Il movimento Panerai P.2005/GLS.

REGATTA

Il movimento Panerai P.9100/R.