1. Home
  2. Storia

La storia di Panerai

Giovanni Panerai apre il suo negozio di orologeria sul Ponte alle Grazie a Firenze: non sarà solo un negozio con laboratorio, ma anche la prima scuola di orologeria della città. La storia di Officine Panerai inizia qui.

${properties.title}

LE ORIGINI

1860 - 1936

Inaugurazione del primo negozio Officine Panerai

1860

Inaugurazione del primo negozio Officine Panerai

Giovanni Panerai apre il suo primo negozio sul Ponte alle Grazie a Firenze nel 1860: non sarà solo un negozio di orologi con laboratorio, ma anche la prima scuola di orologeria della città. La storia di Panerai inizia qui.

Sin dal 1876 il negozio cambia sede per poi arrivare dove si trova oggi negli anni ’20 del Novecento durante la ricostruzione del Ponte delle Grazie; la boutique si trova oggi nel Palazzo dell’Arcivescovo, di fronte alla Cattedrale di Firenze, con il nome di “OROLOGERIA SVIZZERA”, un nome sinonimo di alta qualità da oltre un secolo.

OFFICINE PANERAI REGISTRA IL BREVETTO DI RADIOMIR

1916

OFFICINE PANERAI REGISTRA IL BREVETTO DI RADIOMIR

Per soddisfare i requisiti militari della Regia Marina Italiana, a cui la famiglia di Guido Panerai fornisce per anni strumenti di precisione, come mirini da combattimento navale, viene sviluppata una polvere a base di radio per rendere i quadranti di strumenti e mirini più luminosi, in collaborazione con il Capo di corvetta Carlo Ronconi: è così che nasce il Radiomir.

 

Il riferimento al nome “Radiomir” è documentato per la prima volta in un allegato del brevetto il 23 marzo 1916, in Francia. L’elevata luminosità intrinseca del composto rende questa pasta di radio un elemento chiave della produzione Panerai. Il brevetto Radiomir è il primo di numerosi brevetti che celebrano la storia di Panerai.

IL PRIMO PROTOTIPO RADIOMIR

1936

IL PRIMO PROTOTIPO RADIOMIR

Nel 1935 la Regia Marina Italiana inizia un programma segreto che prevede la creazione di veicoli d’assalto sottomarini. Panerai partecipa allo sviluppo di strumenti tecnici utili a svolgere questo tipo di attività militare.

 

Per soddisfare i parametri della Marina, viene testato un gran numero di segnatempo subacquei ultra resistenti.

 

Secondo gli archivi storici della Marina, nel 1936 sono stati commissionati alcuni prototipi estremamente elaborati a Giuseppe Panerai, per effettuare test tecnici: il miglior risultato è raggiunto da Ref. 2533, realizzato su una base Rolex-Geneva modificata da Panerai.

${properties.title}

PANERAI PER LA REGIA MARINA ITALIANA

1936 - 1993

PANERAI PER LA REGIA MARINA ITALIANA, NASCE RADIOMIR Ref. 3646

Anni ’40

PANERAI PER LA REGIA MARINA ITALIANA, NASCE RADIOMIR Ref. 3646

Nasce così Ref.3646, lo strumento che ancora oggi si conosce come l’orologio “Radiomir”. L’attuale orologio Radiomir presenta molte delle caratteristiche del modello Ref.3646: una cassa in acciaio a cuscino con un diametro di 47 mm, numeri e indici luminescenti, anse a filo saldate alla cassa e un movimento meccanico manuale di alta qualità (all’epoca veniva usato un calibro Cortebert/Rolex 618 di un orologio da tasca) e un cinturino in pelle conciata impermeabile (abbastanza lungo da indossare sull’abbigliamento di protezione). In seguito a questa decisione, Panerai inizia a fornire orologi su base regolare alla Marina Regia. Per migliorarne il funzionamento, Giuseppe Panerai modifica la struttura del quadrante con l’uso di dischi sovrapposti e anche la parte superiore in alluminio anodizzato con indici e numeri traforati, per rendere la pasta di radio più leggibile e luminescente. Per migliorare la leggibilità del quadrante, il design è rivisitato con solo 4 grandi numeri arabi nei punti cardinali e 8 indici delle ore.

PANERAI BREVETTA IL NOME LUMINOR

1949

PANERAI BREVETTA IL NOME LUMINOR

L’11 gennaio 1949 è stato approvato un brevetto per l’uso del nome “Luminor” da parte di Panerai, per l’uso di materiali luminescenti e auto-illuminanti. Giuseppe Panerai sa che il riferimento alla radioattività deve essere gestito con attenzione in seguito all’espansione delle tecnologie atomiche per uso militare e civile. Decide di dare una denominazione nuova e più neutra alle sostanze luminescenti, perciò introduce gradualmente il nome Luminor. Dopo più di un decennio, Luminor è conosciuto come una nuova sostanza luminescente a base di trizio (un isotopo di idrogeno) con emissioni molto basse e innocue. Dopo molti studi e sperimentazioni, Luminor diventa gradualmente il modo più comune per rivolgersi al segnatempo subacqueo Panerai, caratterizzato dal ponte proteggi-corona.

IL PROTOTIPO DEL CRONOGRAFO “MARE NOSTRUM”

Anni ’50 - PANERAI PER LA MARINA ITALIANA

IL PROTOTIPO DEL CRONOGRAFO “MARE NOSTRUM”

Panerai sviluppa i piani per un nuovo modello, probabilmente già pronto negli anni ’40, pensato appositamente per gli ufficiali di coperta: il cronografo a due contatori Mare Nostrum. Si pensa che siano stati effettivamente realizzati solo due o tre esemplari di questo orologio, probabilmente negli anni ’50, e tutto ciò che resta di loro sono alcune fotografie e un unico prototipo, acquistato dal museo delle Officine Panerai durante un’asta internazionale nel 2005.

PANERAI PER LA REGIA MARINA ITALIANA

1954

PANERAI PER LA REGIA MARINA ITALIANA

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, con l’aumentare delle attività subacquee della Marina Italiana, i requisiti diventano sempre più specifici: gli orologi militari devono essere utilizzati sott’acqua in condizioni estreme e per lunghi periodi di tempo. Nel 1954 vengono testati due nuovi modelli, Ref.6152 e Ref. 6154.

Alcuni degli orologi moderni si ispirano a questi esemplari, noti sul mercato come Radiomir 1940: la cassa è realizzata a partire da un unico blocco con lancette fisse, la forma è a cuscino con profili laterali più pronunciati. Una revisione estetica generale viene effettuata su ogni parte singolarmente e viene adottata una corona a vite: la corona tubolare cilindrica sostituisce quella conica cilindrica dello storico Radiomir.

Dopo test e analisi accurati, sono realizzate alcune modifiche che danno vita al modello definitivo 6152 1, con anse rinforzate e realizzate in robusto acciaio, proveniente dallo stesso blocco della cassa.

OFFICINE PANERAI SVILUPPA IL MODELLO EGIZIANO E BREVETTA IL DISPOSITIVO PROTEGGI-CORONA

1956

OFFICINE PANERAI SVILUPPA IL MODELLO EGIZIANO E BREVETTA IL DISPOSITIVO PROTEGGI-CORONA

Panerai sviluppa un orologio subacqueo conosciuto come GPF-2/56, più tardi noto come l’Egiziano, poiché destinato alla Marina Egiziana con il consenso della Marina Italiana. Sono stati realizzati circa sessanta modelli, interamente assemblati a Firenze dal maestro orologiaio Linder. Le innovazioni che caratterizzano questo modello sono eccezionali: la cassa con un diametro di ben 60 mm e una grande resistenza, un alto livello di impermeabilità, la lunetta girevole graduata per calcolare il tempo di immersione e il calibro di manifattura svizzera Angelus con una riserva di carica di 8 giorni usata dal movimento. Per la prima volta, viene introdotto nella struttura dell’orologio l’elemento che contraddistingue Panerai ancora oggi: il dispositivo proteggi-corona. Guido Panerai & Figlio ottiene un brevetto internazionale per il dispositivo proteggi-corona nel 1956.

L’EVOLUZIONE DELL’OROLOGIO PANERAI LUMINOR

Anni ’60 - PANERAI PER LA MARINA ITALIANA

L’EVOLUZIONE DELL’OROLOGIO PANERAI LUMINOR

L’evoluzione dell’orologio Panerai Ref. 6152/1 continua durante gli anni ’60. Nel processo di assemblaggio dei quadranti a dischi sovrapposti scompare l’uso della pasta di radio, così come il nome Radiomir. La luminescenza proviene ora da un nuovo composto a base di titanio e con basse radiazioni, che prende il nome di Luminor. Il ponte proteggi-corona viene inserito e adattato al centro della cassa di Ref. 6152/1. In appena 80 unità, viene adottato un calibro meccanico di manifattura svizzera Angelus SF240 per la prima volta, con una riserva di carica da 8 giorni. La riserva di carica diventa quindi un elemento fondamentale nel DNA del brand fiorentino. In alcuni modelli, il fondello solido e chiuso viene sostituito da un fondello trasparente in plexiglas, in questo modo il meccanismo diventa visibile. Panerai è, quindi, uno dei pionieri nella produzione di orologi con fondello trasparente. Un altro capitolo importante per la produzione Panerai, che inizia proprio in questo periodo, riguarda gli strumenti di precisione creati per la Marina Italiana: bussole e profondimetri con diverse calibrature, oltre a luci segnaletiche subacquee per l’indicazione della pressione, altamente resistenti a profondità estreme.

UN ANNO DI TRANSIZIONE PER LA COMPAGNIA “G. Panerai &Figlio”

1972 - PANERAI PER LA MARINA ITALIANA

UN ANNO DI TRANSIZIONE PER LA COMPAGNIA “G. Panerai &Figlio”

Giuseppe Panerai, figlio di Guido, viene a mancare nel 1972. La gestione dell’attività di famiglia, insieme a quella di tutti i contratti di fornitura esclusivi per la Marina Italiana, passa nelle mani dell’ingegnere ed ex-ufficiale della Marina Italiana Dino Zei, nominato CEO dell’azienda. Il nome della compagnia cambia da “G. Panerai &Figlio” a “Officine Panerai Srl”. OFFICINE PANERAI diventa il nome ufficiale del brand, apparso su numerosi prodotti e orologi.

PROTOTIPO DI OROLOGIO MILLEMETRI

1985 - PANERAI PER LA MARINA ITALIANA

PROTOTIPO DI OROLOGIO MILLEMETRI

Il settore tecnico della compagnia disegna un nuovo orologio subacqueo che unisce tutti gli sviluppi tecnologici dell’orologeria e delle immersioni realizzati tra gli anni ’70 e ’80. Il modello viene sottoposto ai rigidi test usati per scegliere l’attrezzatura della Marina Italiana. Si tratta di un innovativo segnatempo in titanio con un diametro di 47 mm, sempre dotato di dispositivo a ponte proteggi-corona, lunetta girevole e quadrante con indici costituiti da “Tasers” (microscopici contenitori cilindrici) che presentano al loro interno il materiale luminoso. I test confermano che questo speciale orologio Panerai può resistere facilmente a più di cento atmosfere di pressione, da qui il nome “Millemetri”.

${properties.title}

PRE Vendôme

1993 - 1997

PRE VENDOME: LA PRIMA COLLEZIONE OFFICINE PANERAI

1993

PRE VENDOME: LA PRIMA COLLEZIONE OFFICINE PANERAI

Per superare la grave crisi economica e politica iniziata nel 1992, Officine Panerai si lancia nel mercato civile con tre collezioni, che comprendono dieci modelli in totale, in edizioni numerate e limitate: gli orologi Luminor e Luminor Marina da 44 mm e il cronografo Mare Nostrum da 42 mm, che prendono ispirazione dagli esemplari storici creati per la divisione Incursori della Marina Italiana. L’ingegnere Zei, CEO di Panerai, non deve più custodire il segreto militare su questi prodotti Panerai. Questi articoli vengono cercati da collezionisti e appassionati. La presentazione della collezione avviene il 10 settembre 1993 nel porto militare di La Spezia, a bordo della nave della Marina Italiana “Durand De La Penne”. Alla cerimonia partecipa il Duca Amedeo D’Aosta, figlio di Aimone di Savoia, e all’epoca Capo supremo del settore subacqueo italiano.

PRE VENDOME-OFFICINE PANERAI OTTIENE UN POSTO D’ONORE NEL MERCATO DI ALTA OROLOGERIA

1997

PRE VENDOME-OFFICINE PANERAI OTTIENE UN POSTO D’ONORE NEL MERCATO DI ALTA OROLOGERIA

Il Gruppo Richemont (all’epoca Gruppo Vendôme) acquisisce Officine Panerai Srl nella primavera del 1997, inaugurando una rete di distribuzione pilota in Italia, per raffinare la strategia industriale e commerciale e per sfruttare le sinergie all’interno delle strutture del Gruppo. Nell’aprile del 1998, Panerai fa il suo debutto sulla scena dell’Alta Orologeria internazionale presso il SIHH (Salon de la Haute Horlogerie di Ginevra). La collezione comprende tre modelli: Luminor e Luminor Marina in tre versioni diverse, con un diametro di 44 mm, e il cronografo Mare Nostrum da 42 mm, ora con lunetta più stretta e fondello a vite. È così che Panerai si fa conoscere in tutto il mondo per i suoi orologi sportivi di lusso, introducendo a livello internazionale la moda dei segnatempo con un diametro di grandi dimensioni.

${properties.title}

IL LANCIO INTERNAZIONALE

2001 - 2002

OFFICINE PANERAI: RITORNO ALLE ORIGINI

IL LANCIO INTERNAZIONALE - 2001

OFFICINE PANERAI: RITORNO ALLE ORIGINI

Dopo una ristrutturazione meticolosa, riapre la storica boutique Panerai. Al restyling della sede storica in Piazza San Giovanni a Firenze è seguita l’acquisizione, da parte di Officine Panerai, del negozio di famiglia. Il laboratorio artigianale è un punto di riferimento per i collezionisti e gli appassionati del brand, dove è possibile trovare le nuove collezioni e le edizioni speciali che si trovano esclusivamente in boutique.

INAUGURAZIONE DELLA MANIFATTURA PANERAI A NEUCHÂTEL

IL LANCIO INTERNAZIONALE - 2002

INAUGURAZIONE DELLA MANIFATTURA PANERAI A NEUCHÂTEL

Il 2002 è un anno importante per le Officine Panerai, con l’apertura della Manifattura Panerai a Neuchâtel, in Svizzera. Raffinata orologeria svizzera, design esclusivo e savoir-faire si incontrano in un unico luogo dove progettazione, sviluppo e ricerca continua offrono nuove prospettive tecniche e funzionali. Officine Panerai arriva anche in Oriente, con la prima boutique asiatica nel prestigioso Landmark Prince’s Building di Hong Kong.

${properties.title}

MANIFATTURA PANERAI

2005 - 2016

PRIMO MOVIMENTO IN-HOUSE OFFICINE PANERAI

MANIFATTURA PANERAI - 2005

PRIMO MOVIMENTO IN-HOUSE OFFICINE PANERAI

Officine Panerai lancia il primo movimento realizzato in-house, il P.2002: calibro a carica manuale con funzione GMT e una riserva di carica di otto giorni, come i movimenti Angelus utilizzati negli anni ’40. Il calibro prende il nome dell’anno in cui Officine Panerai inaugura il suo piano di produzione, un omaggio all’arte orologiera del brand fiorentino.

OFFICINE PANERAI PRESENTA I NUOVI CALIBRI IN-HOUSE

MANIFATTURA PANERAI - 2007

OFFICINE PANERAI PRESENTA I NUOVI CALIBRI IN-HOUSE

Officine Panerai presenta tre nuovi calibri disegnati e sviluppati presso la Manifattura: P.2003, P.2004 e l’innovativo P.2005. P.2005 è caratterizzato da un elegante tourbillon dell’azienda fiorentina, che fa propria la tradizione di quest’elegante complicazione orologiera e, allo stesso tempo, rinnova il dispositivo. La gabbia del bilanciere e lo scappamento ruotano su un asse che non è parallela all’asse del bilanciere, ma perpendicolare ad essa. Al contrario dei tourbillon tradizionali in cui la gabbia effettua una rotazione completa al minuto, la gabbia del tourbillon Officine Panerai completa una rotazione in trenta secondi.

OFFICINE PANERAI LANCIA I CALIBRI IN-HOUSE P.9000 E P.2006

MANIFATTURA PANERAI - 2008

OFFICINE PANERAI LANCIA I CALIBRI IN-HOUSE P.9000 E P.2006

 

Officine Panerai presenta i movimenti P.9000 e P.2006. Entrambi i calibri sono sviluppati e prodotti dal brand fiorentino. Il calibro P.9000, caratterizzato inizialmente da una riserva di carica di 72 ore, è montato su una serie di modelli Luminor 1950 e Radiomir, mentre il P.2006 è un’evoluzione del calibro cronografico monopulsante P.2004 con l’aggiunta di una funzione sdoppiante, controllata da un secondo bottone a ore 10.

OFFICINE PANERAI E LA PASSIONE PER IL MARE

MANIFATTURA PANERAI - 2009

OFFICINE PANERAI E LA PASSIONE PER IL MARE

Per celebrare la passione per il mare, Officine Panerai acquista e ristruttura Eilean, un ketch bermudiano del 1936, realizzato nel leggendario cantiere navale di Fife. Ci vogliono ben tre anni per riportare Eilean in mare e ripristinare la sua bellezza originale, grazie alla restaurazione portata a termine dal cantiere navale Francesco Del Carlo di Viareggio. Dopo 40.000 ore di lavoro, la cerimonia di inaugurazione di Eilean si tiene il 22 ottobre presso la sede della Marina Italiana a La Spezia. La nuova edizione del modello “Egiziano” cattura l’attenzione degli appassionati del brand fiorentino. Un modello Panerai disegnato per la Marina Egiziana nel 1956.

TRIBUTO A GALILEO GALILEI

MANIFATTURA PANERAI - 2010

TRIBUTO A GALILEO GALILEI

In occasione del 400  anniversario delle sue prime osservazioni celestiali, Officine Panerai dedica un trittico di modelli eccezionalmente complessi al genio toscano Galileo Galilei: L’Astronomo, Lo Scienziato e Jupiterium. Il modello Jupiterium di Panerai è un orologio planetario con calendario perpetuo che mostra, da una prospettiva geocentrica, le posizioni dei corpi celesti: Sole, Luna, Giove e le sue cosiddette Lune Galileiane (i quattro satelliti principali di Giove, ora chiamati Io, Europa, Ganimede e Callisto), osservate per la prima volta da Galileo Galilei nel 1610, grazie all’invenzione del telescopio. Officine Panerai lancia il movimento in-house P.999 e il primo orologio Panerai Composite presso il Salon International de la Haute Horlogerie.

OFFICINE PANERAI PRESENTA L’OROLOGIO IN BRONZO

MANIFATTURA PANERAI - 2011

OFFICINE PANERAI PRESENTA L’OROLOGIO IN BRONZO

Officine Panerai presenta il Luminor Submersible 1950 3 Days Automatic Bronzo, usando per la prima volta un elemento che deve il suo fascino al look anticato e che è sempre stato evocativo dell’universo marino a cui Officine Panerai è da sempre legata. È questo l’anno della creazione del calibro in-house P.3000, espressione dell’arte orologiera del brand fiorentino. Officine Panerai apre la sua trentesima boutique a Bal Harbour, in Florida.

Officine Panerai ripropone l’esclusiva cassa storica con due modelli Radiomir 1940 in edizione speciale. Al contrario dei prototipi e dei modelli in produzione alla fine degli anni ’30, alcuni esemplari storici Radiomir degli anni ’40 presentano una cassa in cui le anse non sono realizzate in filo di acciaio saldato ma sono realizzate dallo stesso blocco della cassa e appaiono quindi più solide e resistenti. I nuovi modelli Radiomir 1940 ripropongono questa speciale cassa con un classico diametro da 47 millimetri, insieme ad altri elementi ispirati ai modelli storici: Plexiglas® per proteggere il quadrante, indicatore circolare, lunetta arrotondata e corona cilindrica. Il marchio registrato Plexiglas® non è di proprietà di Officine Panerai.

UN OMAGGIO AL PASSATO: PANERAI PRESENTA DUE MODELLI RADIOMIR CON LA STORICA CASSA 1940

MANIFATTURA PANERAI - 2012

UN OMAGGIO AL PASSATO: PANERAI PRESENTA DUE MODELLI RADIOMIR CON LA STORICA CASSA 1940

TRE NUOVI MOVIMENTI IN-HOUSE DIMOSTRANO IL CONTINUO SVILUPPO DI OFFICINE PANERAI

MANIFATTURA PANERAI - 2013

TRE NUOVI MOVIMENTI IN-HOUSE DIMOSTRANO IL CONTINUO SVILUPPO DI OFFICINE PANERAI

Officine Panerai lancia tre nuovi movimenti in-house: il calibro P.9100, il primo movimento automatico Panerai con funzione cronografo flyback, il sofisticato P.9100/R con funzione regatta countdown e il P.5000, un nuovo calibro a carica manuale con una riserva di carica di otto giorni. La nuova collezione presenta anche la storica cassa Radiomir 1940 e una nuova gamma di orologi Submersible. In occasione del Salon de la Haute Horlogerie di Ginevra, Officine Panerai presenta anche il Pocket Watch Tourbillon GMT Ceramica, un orologio da tasca straordinario realizzato in ceramica.

INAUGURAZIONE DELLA NUOVA MANIFATTURA OFFICINE PANERAI

MANIFATTURA PANERAI - 2014

INAUGURAZIONE DELLA NUOVA MANIFATTURA OFFICINE PANERAI

Officine Panerai apre la nuova Manifattura a Pierre-à-Bot, sulle colline di Neuchâtel in Svizzera. Il nuovo edificio racchiude in un unico luogo tutte le attività specializzate dell’Alta Orologeria, unendo l’eccellenza del design italiano alla tradizione della tecnologia svizzera. Dal 2002, data di inaugurazione della prima Manifattura Panerai, la Maison ha sviluppato un’intera gamma di movimenti in-house con funzioni di alto livello: dalla funzione GMT alla gamma completa di cronografi, dall’estesa riserva di carica all’inconfondibile tourbillon Panerai. Nel 2014 Panerai introduce il calibro P.4000, un movimento automatico in-house caratterizzato da una massa oscillante, una sintesi perfetta di design e tecnologia di alto livello.

OFFICINE PANERAI RIAPRE LA SUA BOUTIQUE DI HONG KONG IN CANTON ROAD

MANIFATTURA PANERAI - 2015

OFFICINE PANERAI RIAPRE LA SUA BOUTIQUE DI HONG KONG IN CANTON ROAD

Panerai riapre ufficialmente la sua boutique di Hong Kong Canton Road, attualmente la più grande boutique del marchio al mondo. Rispetto a tutte le altre boutique Panerai, quella di Hong Kong è unica nel suo genere, con la sua originale facciata esterna costituita da pannelli di alluminio ondulato e con il grande orologio da parete dal caratteristico quadrante Panerai. Nello stesso anno viene lanciato il movimento in-house P.1000, un capolavoro immediatamente riconoscibile come calibro Panerai sia dal punto di vista tecnico che estetico. Una dimostrazione delle straordinarie competenze necessarie per sviluppare questi sofisticati movimenti meccanici creati da Panerai con uno spessore complessivo di soli 3,85 mm.

PANERAI LANCIA IL RADIOMIR 1940 MINUTE REPEATER CARILLON TOURBILLON E LA NUOVA CASSA LUMINOR DUE

MANIFATTURA PANERAI - 2016

PANERAI LANCIA IL RADIOMIR 1940 MINUTE REPEATER CARILLON TOURBILLON E LA NUOVA CASSA LUMINOR DUE

Panerai lancia il Radiomir 1940 Minute Repeater Carillon Tourbillon. È l’orologio tecnicamente più complicato mai prodotto dalla Manifattura Panerai di Neuchâtel. È dotato dell’esclusivo regolatore a tourbillon e del doppio meccanismo di ripetizione minuti che batte l’ora locale o quella di un secondo fuso orario con la particolarità di suonare ogni ora, ogni dieci minuti e ogni singolo minuto grazie a un sofisticato sistema di gong e martelletti.

Sempre nel 2016, la collezione LUMINOR DUE scrive un nuovo capitolo della storia di Panerai. Una nuova cassa, che si ispira fedelmente alle linee della classica collezione Luminor degli anni ’50, ma sottilmente rivisitata, entra nella storia di Officine Panerai. Equipaggiano questa nuova collezione i movimenti in-house P.1000/10 e P.4000/10, i più sottili calibri automatici sviluppati dalla Manifattura Panerai.